fbpx

Blog

Pagano / Magazine  / Sfatare i pregiudizi sulle case in legno

Sfatare i pregiudizi sulle case in legno

Negli ultimi anni, il legno è diventato il nuovo protagonista nel settore della Bioedilizia grazie a costruttori qualificati come Pagano.

Il successo riscontrato nelle vendite di case e ville in legno va ricercato in una maggiore attenzione alla sostenibilità, nella tecnologia avanzata, materiali di qualità, affidabilità dei sistemi costruttivi e professionalità delle aziende edili. Nonostante questo successo ormai evidente, da anni sopravvivono preconcetti che nulla hanno a che fare con la realtà.

Pagano vi invita a sfatare i pregiudizi sulle case in legno segnalandovi quali sono.

8 preconcetti da ‘demolire’

Pagano è un’azienda storica, abituata a creare, progettare, costruire case da sogno, personalizzate e uniche.

In questa sede, decide di fare il contrario: ‘demolire’ piuttosto che costruire.

Demolire e sfatare i pregiudizi sulle case in legno.

Le case in legno consumano di più? Sono meno stabili e resistenti di quelle in cemento? Durano meno? Sono pericolose in caso di incendio o eventi sismici?

Smontiamo i falsi miti che aleggiano attorno al mondo della Bioedilizia individuando la nemica numero uno dell’edilizia green d’avanguardia: la disinformazione.

1) “Le case in legno sono precarie, durano meno e sono meno resistenti di quelle in acciaio e cemento”

E’ esattamente il contrario.

Il legno assicura una lunga durata, è il materiale termoisolante per eccellenza.

Garantisce un comfort abitativo superiore a quello delle abitazioni classiche.

Se la qualità costruttiva, materiali idonei e adeguati accorgimenti tecnici lo consentono, gli edifici in legno possono avere una vita centenaria  e resistere a condizioni climatiche diverse.

Tutta la città di Venezia è costruita su pali di legno.

Tra le proprietà intrinseche del legno, troviamo l’ottima resistenza alla trazione, alla compressione ed alla flessione, a differenza del cemento che necessita dell’integrazione del ferro per resistere

2) “Le case in legno sono adatte per la montagna, non per la città”

Questo è uno dei pregiudizi sulle case in legno più frequenti.

Spesso, vengono associate a case di montagna, bungalow dall’aspetto minimale dove trascorrere le vacanze, non adatte alla città.

E’ un grosso errore perché le moderne case in legno presentano un design contemporaneo, talvolta unico, in grado di inserirle perfettamente in ogni tipo di scenario, senza limiti.

Possono integrarsi in qualsiasi contesto: se richiesto, la struttura in legno può essere rivestita con una finitura di facciata, un isolamento a cappotto intonacato capace di armonizzarlo con il paesaggio circostante.

Questo preconcetto non considera la tecnologia delle costruzioni a telaio o del sistema Pagano: ville e case in legno risultano identiche agli edifici in calcestruzzo.

La Bioedilizia con protagonista il legno si è molto evoluta tanto da poter realizzare ville o strutture multipiano, perfino grattacieli in città, abitazioni per la vita.

3) “Le abitazioni in legno sono tutte uguali”

Niente di più falso.

Le case in legno lasciano grande spazio alla progettazione.

Il legno è un materiale molto versatile che consente di realizzare creazioni molto differenti tra loro.

E’ possibile combinare svariati trattamenti, creare e personalizzare gli edifici rendendoli più accoglienti e confortevoli.

La leggerezza e duttilità del legno consentono progettazioni al di fuori degli schemi tradizionali.

Le case in legno Pagano sono personalizzabili, uniche, esclusive perché, oltre a vantare uno staff specializzato e creativo, la nostra azienda ha la tecnologia per farlo.

4) “Il legno potrebbe marcire”

Ecco un altro pregiudizio sulla casa in legno assolutamente da ‘demolire’.

I legni utilizzati nella Bioedilizia sono perfettamente isolati dall’umidità e dalle intemperie.

Vengono opportunamente pre-trattati per resistere all’umidità.

Le case moderne presentano una serie di strati esterni che rivestono la parte strutturale per non esporre gli elementi lignei alle intemperie.

In più, il legno viene ricoperto da strati di isolante e finitura che impediscono ad acqua e umidità di penetrare.

Le abitazioni in legno sono termoisolanti: lo scambio di calore con l’esterno si riduce al minimo e questo incide anche sulla resistenza all’umidità esterna.

Non c’è alcuna differenza tra una casa in legno e una in cemento: entrambe devono essere ben isolate dall’esterno.

5) “Il consumo energetico di una casa in legno è elevato”

Le case Pagano testimoniano il rispetto per l’ambiente e per chi le acquista.

Dimostrano come sia possibile, oggi, ridurre al minino gli impatti migliorando la qualità della vita.

Pagano dimostra come possano convivere magnificamente ecosostenibilità e lusso in case e ville da sogno, esclusive.

Si tratta di costruzioni di Classe A, autosufficienti a livello energetico, dai consumi ridotti all’osso.

A differenza delle abitazioni tradizionali, garantiscono una notevole riduzione delle emissioni di gas serra, soprattutto anidride carbonica.

Un edificio in legno progettato ad hoc è in grado di ridurre le emissioni inquinanti del 40%.

6) “Le case in legno sono pericolose in caso di incendio”

Tra i pregiudizi più assurdi e diffusi sulle case in legno ritroviamo questo: “prendono fuoco più facilmente“.

Case e ville costruite in legno con le tecnologie di ultima generazione non collassano su se stesse ma bruciano soltanto in superficie.

Al contrario, il cemento armato contiene acciaio che, a temperature elevate, si piega rapidamente facendo crollare l’intera struttura.

Le cause di incendio derivano da sostanze o elementi presenti anche nelle case in muratura (arredi, accessori, impianti elettrici). In caso di incendio, la struttura in legno resiste al fuoco a lungo in quanto le travi si consumano lentamente.

7) “Non sono molto stabili e sicure, soprattutto in caso di terremoto”

Sbagliato.

Case e ville realizzate secondo gli standard della bioarchitettura sono leggere e flessibili, assolutamente affidabili in caso di eventi sismici.

Connessioni, incastri e giunture realizzate per unire gli elementi lignei riescono a disperdere l’energia generata dal sisma.

I rapporti massa/resistenza sono migliori rispetto a quelli caratteristici delle costruzioni in muratura o calcestruzzo: le sollecitazioni, in caso di terremoto, sono proporzionali alla massa dell’edificio, risultando decisamente inferiori.

Il legno è un materiale leggero e, allo stesso tempo, resistente e rende la costruzione più sicura anche dal rischio sismico.

8) “Impossibile richiedere un mutuo per le case in legno”

Da diversi anni, in Italia non è più così.

Si può richiedere il mutuo S.A.L.E. (Sistema Affidabilità Legno Edilizia) che permette di finanziare la costruzione di edifici biosostenibili.

Questo sistema messo a punto da Assolegno e Conlegno serve ad individuare costruttori di case in legno di qualità per favorire l’accesso al mutuo e ai prodotti assicurativi rivolti alle case realizzate in bioedilizia.

Pagano aderisce come costruttore qualificato al sistema S.A.L.E.

Pagano

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Call Now ButtonCHIAMA SUBITO